Come pulire sella e finimenti del cavallo

La maggior parte dei finimenti e le selle che utilizziamo con i nostri cavalli sono in cuoio e pelle, materiali “vivi” che necessitano di cure attente e precise.

In questo articolo spiego come pulire perfettamente e mantenere in stato ottimale pelle e cuoio dell’attrezzatura equestre.

Le fasi di pulizia di pelle e cuoio

La procedura con la quale pulisco e tratto sella e finimenti in pelle e cuoio è costituita da vari passaggi, alternati a tempi di riposo.

Non avere fretta! Una volta deciso il pezzo da pulire, dedicagli tutta la tua attenzione con calma: l’obiettivo è quello di nutrire in profondità e rendere impermeabile tutta l’attrezzatura il più a lungo possibile.

Agendo in questo modo, dopo ogni allenamento, ti basterà semplicemente lavare sotto l’acqua corrente gli accessori in pelle e cuoio e asciugarli.

FASE 1: lavaggio

La prima fase è quella del lavaggio e, perché riesca nel migliore dei modi, ti consiglio di smontare qualsiasi finimento in più parti possibili.

Se hai paura di dimenticarti come ricomporre i finimenti, ti consiglio di fotografarli prima di smontarli: sarà un ottimo spunto per fare tutto a puntino.

Attrezzati al meglio perché questa prima fase di pulizia è di fondamentale importanza.

Occorrente

  • sapone per cuoio in stecca o liquido nel formato spray e, se sei super esigente, il detergente in spuma che sgrassa ed è perfetto per i ritocchi;
  • una spugna;
  • un vecchio spazzolino da denti per raggiungere gli angoli più difficili;
  • un secchio con acqua tiepida.

Se devi compiere questa operazione da casa (su un terrazzo, sotto ad un portico o in garage), ma soprattutto se vivi con una famiglia “non-equestre” come la mia, non puoi lasciare tracce di sporco!

Procurati qualsiasi cosa (teli, stracci, vecchie coperte) che ti permetta di non macchiare il pavimento.

Personalmente ti consiglio di usare le telette usa e getta che si comprano al supermercato per cani e gatti, così a fine lavoro dovrai solo buttarle nella spazzatura.

Procedimento

  1. lava ogni singolo accessorio con la spugna insaponata e inumidita dall’acqua tiepida del secchio.

    Stendere olio e grasso prima di aver pulito tutto a fondo con acqua e sapone, crea una barriera che ostruisce i pori di pelle e cuoio ancora pieni di sporcizia, il materiale non respirerà e inizieranno a formarsi delle crepe;
  2. ripassa nelle pieghe della pelle e attorno alle fibbie metalliche con lo spazzolino da denti inumidito e insaponato;
  3. usa il sapone in spuma contro lo sporco insistente che non sei ancora riuscito a togliere, il risultato è assicurato!
  4. Lascia asciugare ogni accessorio in un luogo secco, non ventilato e non soleggitato: vento e sole sono da evitare, potrebbero manifestarsi lacerazioni e crepe profonde su tutti i finimenti.

    Di solito scelgo un punto del mio cortile in ombra, appoggio la sella su un cavalletto, mentre testiera, redini, pettorale e sottopancia li adagio su uno stendibiancheria.

L’asciugatura richiede almeno 24 ore (fino a 2/3 giorni durante l’inverno) ed è importantissimo attendere che tutto sia perfettamente asciutto, per scongiurare l’umidità all’interno delle pieghe e in profondità di pelle e cuoio.

sella lavata con acqua e sapone
sella dopo il lavaggio con acqua e sapone

ATTENZIONE!!!
Per i riscontri della sella fermati alla fase 1: non si devono oliare e ingrassare
!

Le 3 “lingue di cuoio forate” a destra e a sinistra della sella, utili a fissare il sottopancia, si lavano solo col sapone (prenderanno il minimo nutrimento di cui hanno bisogno dal quartiere superiore e inferiore) e non vanno MAI trattate con olio e grasso: devono restare sode e non elastiche perché potrebbero far muovere la sella o, nel peggiore dei casi, farla girare.

I riscontri devono essere fatti cambiare dal sellaio di fiducia quando diventano troppo morbidi.

FASE 2: oliatura

Le funzioni dell’olio sono 2:

  • scurire pelle e cuoio: io insisto sempre sulla paletta della mia sella perché è color testa di moro ed essendo in una posizione maggiormente colpita dal sole, tende a schiarirsi;
  • ammorbidire: passo solamente le cuciture della mia sella, la testiera, le redini, il pettorale e il sottopancia. Non insisto mai su quartieri e riscontri proprio per non avere una sella troppo morbida.

Come scegliere l’olio giusto

Si può optare per una versione a base grassa oppure per una più leggera.

  • l’olio “grasso” nutre meno in profondità rispetto ad oli più leggeri, ma dona brillantezza in superficie.

    Prima di utilizzarlo lascialo al sole o, comunque, assicurati che sia a temperatura ambiente, altrimenti i cristalli a base grassa si solidificheranno lasciando piccole particelle bianche su pelle e cuoio;
  • l’olio più leggero ha il pregio di penetrare in profondità il materiale trattato, di ammorbidirlo e scurirlo maggiormente rispetto ad un olio a base grassa.

    Questo olio non ha bisogno di essere esposto al sole: è già di per sé liquido e non contiene parti che cristallizzano.

    Attenzione a non rendere tutto esageratamente morbido e flessibile, noi amazzoni e cavalieri abbiamo sempre bisogno di una buona consistenza della nostra attrezzatura.

Occorrente

  • un pennello;
  • un contenitore pesante (esempio: bicchiere di vetro) per contenere e non rovesciare l’olio.

Procedimento

  1. versa l’olio poco per volta e procedi con la stesura su accessori, cuciture e paletta della sella, avendo cura di coprire e proteggere i piani d’appoggio dove stendi i finimenti e il pavimento dove posizioni il cavalletto con la sella (potresti altrimenti macchiare in modo irreversibile le superfici);
  2. dopo la stesura, lascia che l’olio venga assorbito da pelle e cuoio prima di aggiungerne altro e procedi gradualmente facendo attenzione affinché l’attrezzatura non si ammorbidisca eccessivamente.

FASE 3: ingrassatura

Ci sono molti tipi di grasso per pelle e cuoio in commercio e servono principalmente per proteggere la superficie di sella e finimenti.

La funzione principale è quella di impermeabilizzare l’attrezzatura, formare un fine strato superficiale che impedisca al sudore del cavallo, ad acqua, polvere e terra di entrare nei pori di pelle e cuoio, occludendoli.

Il grasso penetra nei primi strati del materiale trattato, ma meno in profondità rispetto all’olio, non scurisce e quindi preserva il colore di sella e finimenti: è particolarmente indicato per l’attrezzatura di colore “biondo”, tecnicamente detto chestnut (nocciola), o “red-brown” (marrone con riflessi rossi).

Non esporre mai la confezione di grasso al sole ed a fonti di calore che lo scioglierebbero velocemente: in forma liquida è difficile da stendere e tirare con una spugna e altera le sue proprietà.

Il grasso si usa a temperatura ambiente!

Occorrente

  • grasso per pelle e cuoio;
  • spugnetta morbida, non abrasiva (alcune case produttrici ne forniscono una all’interno della confezione).

Procedimento

  • stendi il grasso con la spugnetta;
  • preleva dal contenitore poco grasso alla volta e stendilo su tutte le superfici e nelle pieghe di pelle e cuoio;
  • esegui più passate sullo stesso punto, piuttosto che tirare uno strato troppo alto di grasso che non verrebbe assorbito bene e nemmeno si adagerebbe nel migliore di modi sui pori di pelle e cuoio inficiandone l’impermeabilizzazione.

    Troppo grasso rende l’attrezzatura appiccicosa e favorisce l’accumulo di sporcizia.

FASE 4: rifinitura e lucidatura

Dopo aver lasciato sella e accessori ad assorbire al meglio tutto il nutrimento di olio e grasso, procedi con la fase di lucidatura di pelle e cuoio.

Occorrente

  • una spugna morbida;
  • del balsamo per pelle e cuoio;
  • un panno in lana.

Il balsamo per pelle e cuoio non è un grasso leggero, perché non impermeabilizza, ma è una crema morbida che serve unicamente a donare lucentezza e far risaltare il colore dell’attrezzatura.

Procedimento

La stesura del balsamo è un passaggio facoltativo, ma che comunque consiglio fortemente, soprattutto in vista di un concorso. Seguire i consigli del Groom ti permetterà di avere un’attrezzatura splendente.

  1. spalma pochissimo prodotto con una spugnetta morbida, a formare uno strato finissimo su sella e finimenti: la luce di pelle e cuoio cambierà in meglio;
  2. lascia che il balsamo si fissi e dopo circa mezz’ora passa il panno in lana per togliere i residui di olio, grasso e balsamo in eccesso, soprattutto fra gli strati e le pieghe di pelle e cuoio.

ARRUOLA NONNE E ZIE!

Uno straccio di lana lavorato a maglia coi ferri è perfetto per passare il balsamo sul cuoio e non perde pelucchi.

Lo straccio in lana fatto a mano è il sogno di ogni sella e finimento!

Avvertenze utili

Non è necessario ricorrere spesso ad un procedimento di pulizia completo ed approfondito come quello descritto in questo articolo: personalmente curo così minuziosamente la mia attrezzatura solo 2 o 3 volte l’anno.

In queste occasioni fermo qualsiasi pezzo per 3 giorni circa e lascio che riposi con tutta calma.

Di solito organizzo questo tipo di pulizia quando la cavalla assume il pastone (sta 24h a riposo) e nei 2 giorni successivi, nei quali lavora alla corda col fascione e ripassa i giochi Parelli.

Tutte le fasi di pulizia descritte mi permettono di avere sempre sella e finimenti splendenti e impermeabilizzati: per pulirli dopo ogni utilizzo mi basterà risciacquarli velocemente sotto l’acqua corrente e asciugarli con un panno.

Per le pulizie pre-concorso dell’ultimo minuto, passa la tua attrezzatura con un sapone in spuma insistendo nei punti dove lo sporco si è annidato. Questo tipo di sapone è nutriente e non richiede necessariamente l’uso di olio e grasso.

Vuoi pulire tutto per bene, ma non hai a disposizione 3 giorni?

  1. detergi sella e finimenti utilizzando un panno umido al posto della spugna, perché pelle e cuoio asciughino prima;
  2. lascia asciugare il tempo necessario (qualche ora) e poi passa direttamente il grasso;
  3. concludi senza utilizzare il balsamo per pelle e cuoio, ma passa solamente con uno straccio in lana pulito.
sella e finimenti cavallo ingrassati e lucidati
sella e finimenti ingrassati e lucidati

Conclusioni

Seguendo passo passo i miei consigli su come pulire sella e finimenti in pelle e cuoio avrai sempre un’attrezzatura perfetta e splendente, tanto da sembrare nuova.

Commenta qui sotto o sui miei social e fammi sapere se ti è piaciuto l’articolo e che procedura usi per pulire la tua attrezzature di pelle e cuoio.

Per non perderti i prossimi articoli, ti invito ad iscriverti al Blog ed a seguire le mie pagine Instagram, Facebook ed il mio canale Youtube.

Un bacio grande,
Brunette Rider

VIDEO: Pulizia pelle e cuoio

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *